I 10 Migliori Home Theatre 2022 – Guida e Classifica

Cerchi un sistema surround per guardare ed ascoltare film e serie TV a casa come al cinema? Ecco come scegliere e quali sono i migliori home theatre oggi disponibili, dai modelli di fascia alta ai più economici.

miglior home theatre

Il sistema Home Theatre permette di migliorare notevolmente la qualità del suono dei film, e rappresenta un ottimo investimento per gli appassionati di home cinema. Per creare un sistema surround ci sono varie opzioni, vediamole nel dettaglio.

Impianto Home Theatre con sintoamplificatore e casse

Il modo migliore per mettere insieme un impianto Home Theatre domestico è utilizzare una configurazione che includa sintoamplificatore + casse. Questa soluzione è quella che permette di ottenere i migliori risultati in termini di resa sonora ed effetto surround.

Il sintoamplificatore è l’elemento centrale del setup, a cui connettere i device sorgente (lettore Blu Ray, console da gioco, TV box…), gli speaker e la televisione. Riceve il segnale audio e lo processa per trasmetterlo alle casse, gestendo anche la decodifica dei formati surround con cui è compatibile (Dolby Digital, Atmos, DTS…).

Al momento di acquistare questo componente sarà quindi necessario assicurarsi della compatibilità con il resto degli elementi dell’impianto Home Theatre.

Lato audio, ciascuno speaker ha bisogno del suo canale, quindi dovrai scegliere un modello di sintoamplificatore che materialmente abbia le uscite necessarie per collegare la configurazione di casse e subwoofer (5.1, 7.1, 9.1 canali…) che hai in mente. Dovrai anche verificare che abbia la potenza necessaria ad amplificare gli speaker. Solitamente un sintoamplificatore di buona qualità eroga tra i 70 e i 100 W per canale, che sono sufficienti per un impianto Home Theatre domestico.

Per sapere quali sono gli altri elementi da considerare (porte, compatibilità con dispositivi sorgente, 4K e formati HDR, connessione WiFi…) al momento della scelta di un sintoamplificatore e per scoprire i migliori modelli attualmente in circolazione, ti consigliamo di leggere la nostra guida dedicata ai migliori sintoamplificatori per impianto Home Theatre.

Gli altri componenti necessari a mettere insieme questo tipo di configurazione sono gli speaker e il subwoofer. In questo caso la scelta diventa molto più personale e dipende dallo spazio a disposizione (che condiziona ad esempio la selezione del tipo di casse -da scaffale o da pavimento- e della loro potenza), dal budget e dal numero di elementi che si intendono utilizzare.

Un impianto Home Theatre dovrebbe includere almeno 6 elementi: una cassa centrale orizzontale, due casse da pavimento frontali, due satelliti posteriori e un subwoofer per la classica configurazione 5.1 canali, ma gli appassionati scelgono di arrivare anche a 7.1, 9.1 e oltre.

Impianto Home Theatre preconfezionato

Se stai cercando una soluzione meno impegnativa (economicamente e non solo), il consiglio è quello di dare un’occhiata agli impianti Home Theatre pronti all’uso, con casse da collegare direttamente alla televisione.

Stiamo parlando di set composti da altoparlanti che non necessitano di un sintoamplificatore esterno, ma possono essere connessi direttamente alla TV tramite HDMI, ingresso ottico, RCA o AUX.

Chi propende per questo tipo di setup, dovrà assicurarsi che il sistema che sta acquistando sia di tipo attivo, cioè che includa un amplificatore, anche se non “visibile” (perché integrato in almeno uno dei componenti del setup, ad esempio nel subwoofer attivo, che amplifica anche gli speaker passivi ad esso collegati).

Anche se a livello di qualità del suono e di effetto surround questi prodotti sono inferiori alla soluzione sintoamplificatore + casse, un impianto Home Theatre di questo tipo riesce comunque ad offrire un buon senso di tridimensionalità e a migliorare significativamente l’esperienza sonora durante la visione di film e altri contenuti multimediali.

Impianto Home Theatre con soundbar

Creare un impianto Home Theatre con una soundbar è la soluzione ideale per migliorare l’audio della propria televisione quando non si ha tantissimo spazio a disposizione. È possibile creare un setup di questo tipo utilizzando soltanto la soundbar oppure affiancandole ulteriori elementi.

Dal momento che è pensata per poter essere utilizzata da sola, una soundbar include già tutto il necessario per funzionare in completa autonomia, una volta connessa alla televisione.

Una barra audio incorpora un numero variabile di speaker, almeno due, corrispondenti ai canali destro e sinistro. Ovviamente con un setup del genere non è possibile ottenere un reale effetto surround; tuttavia i modelli di fascia più alta, dotati di 5 o più speaker, compensano a questa limitazione con un effetto surround virtuale, che attraverso varie tecniche (incluso l’utilizzo dell’AI) riescono a creare la percezione di un suono che proviene da più sorgenti dislocate in punti diversi della stanza.

Ma per ottenere nel proprio salotto un effetto surround reale il consiglio è di aggiungere alla soundbar un subwoofer ed eventualmente degli ulteriori speaker separati, se il modello di soundbar ve lo permette.

Impianto Home Theatre wireless

Anche chi desidera un impianto Home Theatre wireless per godere di una grande libertà di posizionamento, può ricorrere alla soluzione soundbar + subwoofer + due o più speaker esterni aggiuntivi, avendo cura di scegliere un modello che permetta questa soluzione.

Quando si parla di impianto surround wireless, ci si riferisce solitamente alle casse posteriori surround e al subwoofer, per evitare cavi che vanno dal mobile del TV ai satelliti più lontani. Ricordiamo che la soundbar dovrà comunque essere connessa al televisore (o al device sorgente) via HDMI, ingresso ottico, ecc.

Inoltre con il termine wireless, ci si riferisce spesso solo alla connessione audio, che può avvenire senza cavi, ma la cassa, satellite o subwoofer che sia, dovrà comunque essere collegato ad una presa di corrente per ricevere potenza. In alcuni casi gli altoparlanti surround aggiuntivi sono dotati di una batteria integrata ricaricabile, che li rende collocabili con la massima libertà all’interno dell’ambiente.

I Migliori Home Theatre 2022 - Classifica

Kef T205

1. Kef T205

Il sistema home audio 5.1 ideale per installazioni audio/video a parete

  • Design ultra slim
  • Suono corposo
  • Prezzo

Il miglior dolby surround per lo smart tv di casa è il Kef T205, un impianto home theatre 5.1 che coniuga design e performance, ottimo da montare a parete per eguagliare lo spessore dei TV moderni ultra slim.

È infatti composto da casse satelliti ultra sottili, che misurano solo 35 mm in profondità, possono essere montate a parete, appoggiate sui supporti da tavolo, oppure montate sui supporti da pavimento (questi ultimi da acquistare a parte).

Le 3 casse frontali (serie T301) vantano un doppio woofer da 4,5 pollici e un tweeter da 25 mm, entrambi dal profilo eccezionalmente sottile e pesano solo 1.5 kg, ma dalle prestazioni comunque notevoli. La risposta in frequenza di queste casse è 80Hz-30kHz.

Le casse posteriori surround sono quelle di serie T101, con un woofer da 4,5 pollici e un tweeter da 25 mm. Anch’esse si adattano perfettamente ad un ambiente domestico moderno, e possono essere posizionate a muro, su supporto da tavolo o su supporto da pavimento. Hanno la stessa risposta in frequenza delle casse frontali, ma sono un po’ meno potenti.

Tutte le casse satellite sono passive e lavorano a 8 ohm, vanno collegate ad un sintoamplificatore per home theatre di vostra scelta, dalla potenza in uscita tra i 10 e i 100 Watt RMS.

Il subwoofer attivo incluso nel sistema home theatre di Kef è il modello T2, un sub da 250 Watt RMS, anch’esso dal design molto moderno e slim, ha una risposta in frequenza dai 30 ai 250 Hz e il driver è da 10 pollici. Va collegato all’uscita preamplificata del sintoamplificatore tramite cavi RCA, e necessita di essere collegato alla corrente.

Klipsch Reference 5.1

2. Klipsch Reference 5.1

Le migliori casse home theatre per risparmiare in spazio ed ingombro

  • Casse piccole ma potenti
  • Compatibili con molti sintoamplificatori
  • Potenza del sub non è eccezionale

Prezzo 1.537,24 €

Per chi ha già un buon sintoamplificatore per home cinema e sta cercando diffusori hi-end poco ingombranti, il miglior impianto home theatre è il Klipsch Reference 5.1. Offre un suono potente e preciso, ma i diffusori sono piccoli e facilmente installabili a muro, o sugli scaffali.

Il subwoofer produce bassi convincenti, per dare un tappeto voluminoso ai contenuti sia cinematografici che musicali, tuttavia non è eccessivamente potente, e non dovrete aspettarvi le performance dei subwoofer premium, però le prestazioni sono più che convincenti. Il driver è da 10 pollici, e la potenza nominale di 150W, con risposta in frequenza 32Hz - 120Hz.

I satelliti passivi sono l’elemento più interessante, proposti nella nuova versione con tecnologia Tractrix horn per ampliare la scena sonora generata da ciascun diffusore. La sensazione, una volta montati, è proprio quella di un soundstage molto ampio. Sono compatibili con impedenza 8 ohm e possono gestire una potenza in entrata (per ciascun componente) di 50 Watt.

I dialoghi sono puliti e chiari, il dettaglio sonoro è degno di applausi e troviamo che le scene dei film con effetto Dolby Surround siano di grande effetto.

Numan Reference 851

3. Numan Reference 851

I migliori diffusori per home theatre sotto i 1000 euro

  • Rapporto qualità prezzo eccezionale
  • Potenza in uscita
  • Vero effetto cinema
  • Dettaglio sonoro leggermente inferiore rispetto alle casse più premium

Prezzo 849,99 €

Per chi cerca un impianto home theatre 5.1, da collegare al proprio sintoamplificatore, per rimanere sotto la soglia dei 1.000 euro, vi consigliamo gli altoparlanti home theatre Numan Reference 851.

Questo sistema home audio comprende due casse da pavimento, due casse da scaffale, un altoparlante centrale ed il subwoofer da pavimento.

Le due casse da pavimento sono costruite in MDF, hanno una potenza in uscita continua di 150W ciascuna, impedenza 4 ohm, ed una risposta in frequenza da 35Hz a 22kHz. Producono un suono preciso e coinvolgente, anche a basso volume, ed una presenza tonale decisamente convincente.

Le casse da scaffale, quelle che utilizzeremo per il surround posteriore, hanno una potenza nominale da 80W ciascuna, impedenza 4 ohm, ed una risposta in frequenza da 60Hz a 22kHz.

Il pezzo centrale è molto potente, da 120 Watt RMS, e permette di sentire i dialoghi in maniera intelligibile. Il subwoofer da 10 pollici di tipo down firing è costruito con base in alluminio e case in legno a bassa risonanza.

Con questo sistema di diffusori home theatre professionali potrete utilizzare qualsiasi sintoamplificatore per distribuire il segnale audio alle varie casse. Il risultato, ne siamo certi, sarà sicuramente apprezzabile.

Jamo Studio 8

4. Jamo Studio 8

Sistema Home Theatre di qualità dal prezzo competitivo

  • Buon sound
  • Design gradevole
  • Facile da installare
  • Subwoofer non incluso

Prezzo 480,78 €

A chi desidera acquistare un impianto Home Theatre di buona qualità per il proprio salotto ma non vuole spendere una cifra eccessiva, consigliamo di guardare i prodotti della serie Jamo Studio 8. Questo set è costituito da 2 tower speaker, 2 casse da scaffale e uno speaker centrale, che danno vita ad una configurazione 5.0.

Le casse da pavimento, di tipo front firing, hanno una potenza in uscita di 100 / 200W, impedenza 8 Ohm e una risposta in frequenza di 42Hz - 26kHz. Il suono restituito da questi elementi fa da protagonista all’interno del set, è incredibilmente corposo e dinamico.

I due diffusori da scaffale erogano 60W / 120W, hanno impedenza 8 Ohm e risposta in frequenza di 76Hz - 26kHz. Specifiche pressoché identiche quelle dello speaker centrale. Anche se meno incisivi, questi elementi si rivelano preziosi per ricreare un effetto surround molto bilanciato, soprattutto se posizionati in posizione elevata.

Tutti i pezzi sono caratterizzati da un design molto elegante e sono disponibili in tre diverse finiture (nera, bianca e noce) per adattarsi al meglio a qualsiasi tipo di ambiente domestico. I profili slim e le dimensioni contenute rendono questo sistema molto facile da posizionare anche in un ambiente non eccessivamente grande.

In questa configurazione di Jamo Studio 8 non è incluso un subwoofer. La resa dei bassi, ad opera principalmente dei due tower speaker, è comunque abbastanza buona, ma chi volesse completare il sistema con un elemento in grado di rendere al meglio le frequenze basse, può aggiungere alla configurazione il subwoofer della serie.

Yamaha NSP41

5. Yamaha NSP41

Sistema di diffusori home theatre per TV 5.1 entry level

  • Casse piccole
  • Adatto per installazioni a parete
  • Potenza in uscita del sistema

Prezzo 223,52 €

Lo Yamaha NSP41 è un buon sistema di diffusori home theatre 5.1 per chi è in possesso di un sintoamplificatore entry level, permette di ascoltare l’audio surround dei film in casa senza occupare molto spazio, e le casse si possono anche montare a muro per versatilità di installazione. È consigliato per spazi ridotti dove non sia necessario un volume sonoro molto elevato.

I 5 satelliti passivi sono compatibili con impedenza 6 ohm o superiore (vanno bene anche per 8 ohm). Il driver di ogni cassa è da 7 cm, riescono a gestire una potenza nominale di 30 Watt e fino a 100 Watt di picco. La sensibilità è di 84 dB.

Il peso dei satelliti è inferiore al chilo, quindi per installazioni a parete non sarà difficile fissarle a muro.

Il subwoofer di questo impianto home theatre è lo Yamaha Advanced YST II, composto da un cono da 8 pollici e potenza nominale 50 Watt. Non c’è da aspettarsi bassi poderosi e vibranti, ma va molto bene per complementare la risposta in frequenza dei satelliti e per creare un suono più pieno. La sua risposta in frequenza è 28–200 Hz.

Numan Ambience Home Theatre 5.1

6. Numan Ambience Home Theatre 5.1

Un buon Impianto dolby surround da casa

  • Satelliti di piccola dimensione
  • Buona potenza in uscita
  • Design curato
  • Bassi meno poderosi rispetto a subwoofer più potenti

Prezzo 379,99 €

Ecco un’ottima proposta qualità prezzo per chi cerca il miglior sistema home theatre 5.1 per il proprio sintoamplificatore. Le casse Numan Ambience offrono eleganza, facilità di installazione a muro (o su scaffale), poco ingombro e buona potenza in uscita.

I satelliti sono da 60W RMS ciascuno, quindi questo home theatre offre un buon volume, ed una presenza di suono notevole. Ognuno dei 4 satelliti (a parte quello centrale) può essere montato a muro, oppure su staffa. L’altoparlante centrale ha invece un suo piedistallo in alluminio che ci permette di appoggiarlo al mobile appena sotto il TV.

Il subwoofer è di tipo down firing, la porta circolare che vedete esternamente è quella per il bass reflex. Il cono da 10 pollici è quindi rivolto verso il pavimento, per una buona espansione dei bassi all’interno della stanza. Non c’è da aspettarsi un basso da cinema, da far tremare lo stomaco, ma l’effetto è comunque molto piacevole.

A livello di soundstage, questo sistema home theatre è abbastanza convincente, e i suoni sono distinti e nitidi, pur rimando coesi.

Nella fascia medio-economica di prezzo, per chi cerca un impianto home cinema per il proprio amplificatore home theatre, questa è una delle soluzioni più intelligenti.

Canton Movie 95

7. Canton Movie 95

Sistema 5.1 compatto

  • Suono bilanciato
  • Potenza massima 100W per canale
  • Subwoofer da 8” poco potente

Prezzo 325,03 €

Il miglior sistema audio per TV sotto i 400 euro è il Canton Movie 95, consigliato a chi ha un sintoamplificatore con potenza in uscita fino a 100W per canale. Composto da 4 satelliti, un elemento centrale ed un sub da 8”, questo home theatre compatto è l’ideale per chi vuole risparmiare spazio.

Pur essendo le casse di piccola dimensione, il volume è abbastanza elevato. La differenza tra gli altoparlanti integrati del vostro TV e questo sistema home cinema è a dir poco eccezionale.

I bassi prodotti dal subwoofer sono puliti e precisi, però chiaramente va considerato che un 8 pollici non può reggere il confronto con i modelli più premium. Il suono comunque risulta bilanciato, sia per la visione di film che per l’ascolto di musica, con buona resa dei bassi in entrambi i casi.

I satelliti possono essere installati a parete, con sistema di montaggio standard, e le staffe incluse nell’acquisto sono ottime per angolare la posizione dell’altoparlante come desideriamo. Oppure li potrete sistemare su uno scaffale, con ingombro praticamente nullo.

Buona la performance dell’altoparlante centrale, che risulta in dialoghi chiari e distinti. Il sistema home theatre, compatibile con una vasta gamma di sintoamplificatori in commercio, è l’ideale per chi vuole spendere il giusto ed avere performance audio quasi da cinema.

Sony HT-S20R

8. Sony HT-S20R

La migliore soluzione home cinema per facilità di installazione

  • Molto versatile
  • Facile da installare
  • Soundbar con 5.1 reale
  • Potenza limitata

L’home theatre migliore per qualitá prezzo di quest’anno è il Sony HT-S20R, una soundbar a 5.1 canali reali composta da barra audio a 3 canali, 2 diffusori surround posteriori e subwoofer attivo. Questo modello crea una buona sensazione di audio 3D, è adatto per spazi piccoli e per installazioni che non richiedono particolari conoscenze tecniche, e non serve avere un sintamplificatore.

Il telecomando incluso è fornito di opzioni utili e facili da attivare, come la funzione cinema (per attivare il suono surround), la funzione music (ottimizza l’audio per la riproduzione di brani musicali) e la funzione voce (che enfatizza la voce quando si guardano programmi televisivi).

Il subwoofer, oltre ad emanare le frequenze basse, funziona anche come base di riproduzione di musica da diverse sorgenti. È infatti tramite il subwoofer che potremo collegare una chiavetta USB e ascoltare brani MP3, e sempre attravero il sub possiamo inizializzare la connessione Bluetooth e fare streaming dallo smarphone.

Sulla piastra posteriore del sub, troviamo le connessioni cablate per collegare altre sorgenti e la TV. La porta HDMI con supporto per ARC ci permette di collegare il televisore, la porta ottica permette di collegare una fonte audio digitale esterna, e l’ingresso aux è utile per sorgenti analogiche.

Il Sony HT-S20R è quindi una buona soluzione all-in-one per aumentare notevolmente le capacità audio del TV e creare l’effetto surround 5.1 in casa, offre molteplici modalità d’uso ed un suono di tutto rispetto ad un prezzo accessibile.

Logitech Z607

9. Logitech Z607

Sistema 5.1 economico per gaming, TV e musica

  • Economico
  • Casse piccole
  • Design moderno
  • Ingresso HDMI assente

Prezzo 129,99 €

Il Logitech Z607 è uno dei migliori home theatre economici, un sistema di casse surround 5.1 che consigliamo per la visione di film da computer, per il gaming, o per un’installazione home theatre con TV in uno spazio ridotto.

La qualità costruttiva è molto buona, e il design è poco invasivo con satelliti piccoli e facilmente collocabili attorno alla postazione di visione. I cavi degli altoparlanti surround sono da 6.2 metri quindi non sarà un problema farli arrivare alla centralina.

L’installazione, nel caso voleste riprodurre l’audio surround 3D, è un po’ più complicata rispetto ad altri modelli, perché questo home theatre non ha una presa HDMI. Per il collegamento al TV e per ottenere il surround 5.1, tutte le connessioni passano dal subwoofer, che offre connettori RCA input per ognuno dei 6 canali. Per questo, lo dovremo abbinare ad un convertitore HDMI-RCA.

La potenza complessiva del sistema è di 80 Watt RMS e 160 Watt di picco, per questo è adatto per una postazione singola o per una stanza piccola, dove non ci sia bisogno di alti volumi.

Il Logitech Z607 è inoltre utilizzabile in wireless per mandare musica da un dispositivo mobile in Bluetooth. Altre opzioni di input sono lo slot per schede SD e la porta USB per leggere file audio MP3, WMA, WAV, APE, FLAC. È inoltre dotato di telecomando per il controllo a distanza.

Auna V9B Set Altoparlanti Surround

10. Auna V9B Set Altoparlanti Surround

Set di 5 diffusori home cinema ad un prezzo economico

  • Bella presenza
  • Ottima risposta in frequenza
  • Volume
  • Il set non è provvisto di subwoofer
  • Qualità audio non di alto livello

Per chi desidera un set di casse surround passive entry level, da abbinare al sintoamplificatore per la visione di film a casa, l’Auna V9B è una soluzione veramente economica e che offre prestazioni accettabili.

Il set prevede 5 pezzi: le due casse da pavimento Left e Right, la cassa centrale, e i due diffusori surround posteriori.

I diffusori da pavimento sono a 4 vie, e sono composti da ben 4 woofer da 6.5 pollici ciascuno, da un driver dei medi sempre da 6.5 pollici, e da un tweeter. Ognuna delle due casse può sopportare un carico da 140 Watt RMS.

Il pezzo centrale è composto da due woofer ed un tweeter, e può gestire 40 Watt RMS, mentre le due casse posteriori (che sono casse da scaffale) hanno un woofer da 5 pollici e tweeter, e sopportano sempre 40 Watt RMS ciascuna.

L’Auna V9B è quindi un buon pacchetto di diffusori, compatibile con impedenza 4 ohm e può gestire un sintoamplificatore dalla buona potenza in uscita. Il suono generato non è dei più definiti, ma il volume è molto buono e la risposta in frequenza è decisamente ampia (da 20Hz a 20 kHz).

Manca il subwoofer, che non riteniamo assolutamente necessario in questo caso. Se però eventualmente in futuro vorrete integrare il sub potrete comunque prenderlo a parte, qui la classifica dei migliori subwoofer per home cinema.